Mare di Dirac

I’M NOT HERE
– PERCHE’ VUOI SPARIRE?- Personale di Chiara Luzi
a cura di Togaci e Edoardo Di Mauro
nella serata i MARE DI DIRAC ” Elettro/acustica ”
27marzo 2015 ore 19:00
HulaHoop gallery sede “Mau” Museo d’Arte Urbana
via Rocciamelone,7c (To)
Il Museo d’Arte Urbana (<a href=”http://www.museoarteurbana.it&#8221; rel=”nofollow”>www.museoarteurbana.it</a>)
HulaHoop Gallery Torino (<a href=”http://www.facebook.com/HulaHoopGalleryTorino&#8221; rel=”nofollow”>www.facebook.com/HulaHoopGalleryTorino</a>)
Aperto :Martedi al Sabato 13.00 alle 20.00

Concept: I’M NOT HERE
– PERCHE’ VUOI SPARIRE?-

In parte è colpa di Thom Yorke e di uno dei pezzi più struggenti che lui abbia mai scritto, anche se in realtà è entrato in scena a sparizione ormai avvenuta.
In parte è colpa del momento storico che stavo vivendo:alcune vicende personali avevano esaurito mente e stomaco andandosi a sommare alla malinconia perenne ed alla paura che quella cosa lì, che in fin dei conti non vorresti cambiasse mai, in realtà potrebbe cambiare (si dice ansia). In pratica ero una bomba ad orologeria.
Poi l’improvvisa esigenza di sparire e la tavoletta grafica sono venute in mio soccorso. “I’m not here” è nato durante una pausa pranzo (pur lavorando da casa faccio pausa pranzo) in un caldo giorno di maggio in cui semplicemente non avrei voluto essere dove mi trovavo; in pochi minuti e in qualche tratto di pennello misura 4 pixel ho creato la mia sparizione.Di me erano rimasti solo lo chignon e gli occhiali da sole, io ero altrove, nel mio personale rifugio mentale, per il resto del mondo non ero più li. Poi ho scoperto che per differenti motivi anche amici, conoscenti e perfetti sconosciuti sarebbero voluti sparire, io li ho semplicemente accontentati.
Ecco cos’è “I’m not here”, una pausa che prendiamo da noi stessi, perché
essere veramente sé stessi, a volte, è la cosa più faticosa del mondo.
<a href=”http://imnothere-lu.tumblr.com/&#8221; rel=”nofollow”>imnothere-lu.tumblr.com/</a>

MARE DI DIRAC
nasce dai principi della fisica quantistica riproposti in chiave elettro/acustica, sfruttando risonanze ed effetti naturali (echi, riverberi) ricreati da vari ambienti al fine di strutturare una sorta di rituale sonoro contemporaneo. Il progetto nasce nel 2008 come collaborazione tra Lorenzo Abattoir (aka Nascitari) e Luca Poseitrone, sperimentando con svariate sessioni di field recording in particolari ambienti acustici: ad Esztargom (HU), live session in una grotta ungherese situata vicino a Budapest, registrazione atta a sfruttare i riverberi naturali e i vari moti di risonanza della roccia; all’Abazzia di Staffarda (CN) registrazione con utilizzo di microfoni ad ultrasuoni per catturare le onde sonore di ecolocazione emanate da una colonia di pipistrelli. Nel 2013 si unisce al progetto Daniele D. (aka Lo-ki), suonatore di tromba marina e raindrums, presente come guest nelle performance live e come esecutore nell’ultimo album “Tupilaq”. Nel 2014 esce l’album “Tupilaq” per l’etichetta Torinese Greytone Records; con la collaborazione del percussionista Paolo Sanna e dello sperimentatore / sassofonista Mauro Sambo.

<a href=”http://maredidiracproject.blogspot.it/&#8221; rel=”nofollow”>maredidiracproject.blogspot.it/</a>

Set: https://flic.kr/s/aHsk95jnTt

Advertisements